Connect with us

Italia

Il gatto migrante di Lampedusa torna dalla sua famiglia

Published

on

La storia che ha commosso il web, e in particolare gli amanti degli animali. Rambo, il gatto migrante che era arrivato a Lampedusa il 13 marzo, è finalmente tornato tra le braccia dei suoi cari. I Maaloul, la sua famiglia adottiva, sono sbarcati nell’isola dopo un lungo viaggio da Sfax, in Tunisia. Qui Fatma e Ahmed, genitori delle piccole Rayan, Bayan e Farah, hanno dovuto separarsi a malincuore dall’amato animale domestico, con loro ormai da quattro anni.

Il gatto migrante, infatti, è stato in quarantena obbligatoria per oltre sei mesi, come prevede la procedura per gli animali provenienti da alcune zone dell’Africa. Rambo è stato adottato temporaneamente da una signora di Lampedusa, Daniela Palazzo, che lo ha curato in attesa del ricongiungimento. Allo scadere della quarantena, è stata lei stessa a riportarlo dalla famiglia Maaloul, che nel frattempo si era stabilita a Ceraso, nel salernitano, grazie a un progetto attivato dal Comune.

Una favola di Natale

La famiglia tunisina ha potuto riabbracciare il micio nella Sala Consiliare di Ceraso. “Le nostre figlie sono così felici – hanno dichiarato Fatma e Ahmed Maaloul – finalmente possono riabbracciare il piccolo Rambo. Vogliamo ringraziare quanti si sono impegnati per rendere possibile tutto questo, per le nostre bimbe questa è una favola che diventa realtà, per loro sarà un Natale speciale”.

“Un gesto di grande umanità”, afferma Totò Martello, sindaco di Lampedusa, assistendo all’incontro tra il gatto migrante e le emozionatissime padroncine. E aggiunge: “Seppur simbolica, questa iniziativa dimostra che quando si mettono da parte l’odio e il rancore sul tema delle migrazioni si possono attivare azioni di pace, di amicizia e di vera solidarietà”. Anche il sindaco di Ceraso, Aniello Crocamo, ha sottolineato l’importanza di “portare avanti azioni di vera integrazione capaci di coinvolgere le comunità anche dal basso”.

___

Continua a seguirci il sul nostro sito e sulla nostra pagina facebook e, per essere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Direttore responsabile: Maurizio Cerbone Registrazione al Tribunale di Napoli n.80 del 2009 Editore: Komunitas S.r.l.s. - P.IVA 08189981213 ROC N° 26156 del 25 gennaio 2016